Matrice e realtà

3aed2e8dfa6bacdb1ad465f76ef193b4.jpgL’onda maestra

La poesia di Livia Bidoli nasce dal desiderio di afferrare la vita a piene mani, lasciando che la pelle bruci al sole, che gli occhi si accechino di luce, che le mani affondino nella terra umida e il sorriso sia battuto dal  vento.
Le parole vogliono stare a guardia dell’esistenza che nasce, assumerne la forma,  mimetizzarsi con ciò che è (e forse sarà) senza mai la tentazione di dare spiegazioni, ma sempre e solo partecipando di quell’esistenza, facendosene in qualche modo matrice.

 Paola Gaglianone

Matrice e realtà. Postfazione

Il linguaggio promosso dalle parole è un tramite persecutore perché mai diventa sensazione piuttosto la provoca, innalzandosi come il correlativo oggettivo di ciò che si è. Intende e si divincola tra le frontiere dell’umano per metafore, mai in senso debitamente assoluto come la musica, archetipo cromatico di impervie emozioni.

Eppure noi siamo quando scriviamo, ed il flusso che destiniamo alla pagina inerte, appartenendoci, intarsia con note indelebili lo spartito dei sensi, mentre l’anima inaccessibile si avvia su cadenze regolari, armoniche, elette, finalmente intelligibili. Ed ognuno diventa ciò che è, sussurrandolo al suo unico orecchio ora desto, sottovoce.

Livia Bidoli

Scheda libro

Matrice e realtàLivia Bidoli – euro 10,00 – pag. 98

ISBN:  978 – 88 – 7606 – 106 – 6

IL FOGLIO LETTERARIO & EDIZIONI IL FOGLIO
Editoria di qualità dal 1999
Sito internet:
http://www.ilfoglioletterario.it/

A te che risplendi

A te che risplendi nell’infinito clamore,
di passeggiate pallide
racchiuse nell’eternità di uno sguardo,
dedico queste poche parole,
trascritte nell’inverno di una mente ascesa
nella dissoluta calma di un profilo
dipinto in una goccia perduta di rugiada-
a capofitto nei propri versi,
lucido nel marasma di un istante,
permei la mia bocca
quasi ad urlarne il timore,
ed uno smisurato piacere si dispiega –
ali contro vento
per schiantarsi sul tuo petto.

Matrice e realtàultima modifica: 2008-01-09T21:10:00+00:00da liviabi
Reposta per primo quest’articolo